Molti in Italia hanno accolto con sollievo e gioia l’arrivo di 9 aerei militari russi domenica sera. La Russia ha accettato di fornire aiuti sotto forma di attrezzature mediche, maschere e dottori molto necessari nel paese maggiormente colpito dalla pandemia di coronavirus.

Per molti esperti, tuttavia, in particolare nei quartieri governativi e nelle redazioni, il gesto della Russia è stato un motivo di preoccupazione, non qualcosa da elogiare. L’apertura di Putin verso l’Italia, avvenuta dopo una telefonata diretta con il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte, è stata definita una mossa opportunistica e un’ “offensiva” diplomatica.

Putin starebbe cercando di sfruttare la sofferenza di un paese europeo nel suo instancabile sforzo di indebolire le istituzioni occidentali, dicono gli accusatori. “L’Italia è un anello debole per tutti i rivali geopolitici che cercano di minare l’unità dell’UE”, ha scritto il portale Bloomberg. “Molti dei suoi elettori danno la colpa all’euro per decenni di malessere economico e sono propensi a sostenere partiti populisti ed euroscettici”.

Negli ultimi anni, in particolare dopo il fallito colpo di stato nel 2016, la Turchia era stata vista come il punto più fragile nell’edificio transatlantico e si sosteneva che la Turchia fosse oggetto degli sforzi di Mosca per minare l’unità della NATO.

Quando la Russia ha venduto alla Turchia i suoi missili antiaerei S-400 la scorsa estate, a dispetto delle ammonizioni di Washington, gli Stati Uniti avevano minacciato la Turchia di sanzioni. Gli obiettivi divergenti della Russia e della Turchia nella guerra siriana, tuttavia, resero improbabile che i due paesi potessero divenire veramente alleati.

Ora si dice che Mosca abbia intrapreso una campagna prolungata ai funzionari di corte di Roma. Per questo, presumibilmente, i politici italiani dovrebbero essere tra i principali sostenitori di un riavvicinamento tra Russia e Occidente.

Per diversi motivi, lo scenario di un riavvicinamento, tuttavia, sarebbe visto come un brutto risultato: alcuni semplicemente credono che la Russia non sia per principio un partner affidabile, altri sono meno guidati ideologicamente ma considerano ancora la Russia il cattivo perenne nel mondo della geopolitica, mentre altri hanno interesse a prolungare ed esacerbare i disaccordi con la Russia.

Quando l’allora considerato un improbabile candidato presidenziale Donald Trump disse ripetutamente di preferire buoni rapporti con la Russia rispetto a un potenziale conflitto, venne attaccato come amico di Putin, sebbene i due non si fossero mai incontrati. Cercare di trovare un modo di esistere con la Russia non è considerato un obiettivo desiderabile per molti membri dell’élite occidentale che ancora vedono il mondo come unipolare.

In questo contesto, l’aiuto della Russia all’Italia, anche di fronte alle restrizioni imposte dai paesi dell’UE all’esportazione di forniture mediche, non avrebbe potuto essere interpretato come un gesto di umanità e gentilezza. “Si tratta solo di percezione”, ha dichiarato Nathalie Tocci, direttrice dell’Istituto italiano per gli affari internazionali, un think tank italiano che arruola la Commissione europea, il Servizio europeo per l’azione esterna, l’Agenzia europea per la difesa, la NATO e l’OSCE come suoi partner.

L’anno scorso la Russia è stata accostata alla Lega, partito fortemente anti-UE. Uno scoop pubblicato da BuzzFeed sosteneva che la Russia avesse offerto alla Lega di ottenere fondi illegalmente, tuttavia è ancora in corso un’indagine da parte delle autorità italiane.

Eppure, nonostante tutte le voci sulla corruzione, l’interferenza e l’influenza maligna della Russia, i suoi effetti sulla politica italiana e sui cuori e le menti degli italiani sembrano essere molto limitati. L’Italia è uno dei membri fondatori della NATO e ne fa ancora fermamente parte.

Il corso atlantista dell’Italia non è mai stato messo in discussione, né da Matteo Salvini, il leader della Lega, estromesso dal governo lo scorso anno, né da figure del passato come Silvio Berlusconi, che ha dominato la politica italiana per oltre un decennio e veniva visto da alcuni come un amico di Putin.

Né è probabile che gli italiani siano più pro-russi e meno pro-occidentali degli altri europei. Sì, hanno accolto con favore l’aiuto della Russia in un momento di prostrazione. Ma la maggior parte di loro continua a vedere la Russia come una terra vasta e inospitale, popolata da individui piuttosto rozzi. L’idea che l’Italia venga sedotta dalle tentazioni della Russia sembra quindi essere piuttosto inverosimile. Ma a differenza di quanto molti pensano, gli italiani non sono stupidi. Se l’UE e l’Occidente vogliono essere nuovamente amati dall’Italia, dovrebbero provare a mostrare un volto meno austero, invece di bacchettare l’Italia ad ogni occasione buona: incolpare la Russia per tutti i mali della terra non servirà.

Stefano Di Lorenzo